09/02/2017

Potrebbe entrare in vigore a breve l’orario flessibile per i dipendenti dell’amministrazione comunale di Lugano.

immagine

G.REC

Il Municipio ha pubblicato recentemente l’ordinanza che garantisce la possibilità di gestire in modo individuale l’inizio e la fine del proprio orario di lavoro giornaliero. I collaboratori potranno iniziare la giornata tra le 7 e le 8.30, fare la pausa di mezzogiorno tra le 11.30 e le 14 e finire tra le 16 e le 20, naturalmente il tutto garantendo l’operatività di ogni settore. L’ordinanza definisce poi le modalità di saldo delle ore, dei recuperi e il sistema di rilevamento delle presenze (il cosiddetto «cartellino», già presente in alcuni settori come la polizia e gli Istituti sociali ma che da quest’anno si vuole appunto estendere a tutta l’amministrazione). Il tema dell’orario flessibile era stato sollevato qualche anno fa da alcuni atti parlamentari, in particolare una mozione interpartitica del 2013. In particolare sottolineavano come il lavoro flessibile – già adottato da diverse amministrazioni comunali e dal Cantone – offra maggiore soddisfazione sul lavoro e benefici anche in termini di salute, mentre i responsabili aziendali evidenziano i grandi benefici in termini di produttività ed efficienza. Non da ultimo è emerso che l’orario flessibile consente di ridurre l’assenteismo. La mozione era stata accolta all’unanimità dal Consiglio comunale nel 2014 e ora il lavoro flessibile potrà diventare realtà una volta scaduti i termini di pubblicazione dell’ordinanza (1. marzo).

Tutte le informazioni sul mercato del lavoro e sull'economia le trovi sul nostro sito web http://www.corriere.ch/economia